11 libri indispensabili sul femminismo secondo la Biblioteca pubblica di New York

Una selezione di libri fondamentali sul femminismo e discussioni sul ruolo delle donne nella società

Nell'ultimo anno, varie circostanze sociali del nostro tempo sono state coniugate in modo che il femminismo sia già un elemento abituale delle discussioni pubbliche che abbiamo quotidianamente.

Le pratiche associate al posto che è stato storicamente concesso alle donne sono state messe in discussione, soprattutto con la premessa che il mondo sociale e culturale è stato costruito dagli uomini a beneficio degli uomini. In questo schema, non solo le donne hanno un posto secondario, ma piuttosto contingente: le donne esistono anche a beneficio degli uomini. In parte, questo è ciò a cui si riferiva Simone de Beauvoir quando scrisse: "Una donna non è nata: uno diventa uno".

Nei libri che condividiamo ora questo punto di partenza della teoria femminista è esposto, che sebbene possa sembrare molto elementare, per alcuni non è facile da capire o almeno da ascoltare. Se l'essere umano ha bisogno di riflettere sul suo posto nel mondo, perché ci sembra strano che anche la donna lo richieda in questo modo dalla sua singolare condizione?

L'elenco è la raccomandazione della New York Public Library (NYPL) in occasione del Women's History Month, un'iniziativa promossa da vari istituti di ricerca educativa, artistica e storica negli Stati Uniti. I commenti sui libri sono ciò che Lynn Lobash della NYPL ha dato su di loro.

Nel nostro caso, aggiungiamo i collegamenti digitalizzati in spagnolo e, alla fine, alcuni suggerimenti che alimentano la selezione.

Come abbiamo accennato nel titolo di questa nota, si tratta di libri "di base", di natura introduttiva al femminismo (che, va detto, negli ultimi anni ha conosciuto un importante sviluppo teorico). Chi per curiosità vuole avvicinarsi al femminismo e poco o nulla lo sa, probabilmente troverai questi suggerimenti utili.

Una stanza tutta tua - Virginia Woolf (1929)

Questo saggio esamina la questione se una donna sia in grado di creare un'opera insieme a quella di Shakespeare. Woolf conclude che "per scrivere fiction, una donna ha bisogno di soldi e una stanza tutta per sé".

Il secondo sesso - Simone de Beauvoir (1949)

Un'opera importante della filosofia femminista; Il libro è un'indagine sul trattamento che le donne hanno ricevuto nel corso della storia.

La mistica della femminilità - Betty Friedan (1963)

Friedan esamina qualcosa che chiama "il problema senza nome": la generale sensazione di disagio tra le donne negli anni '50 e '60.

The guerrillas - Monique Wittig (1969)

La finzione di una vera guerra tra i sessi, in cui le donne guerriere sono armate di coltelli e pistole.

The Eunuch Woman - Germaine Greer (1970)

Greer sostiene che le donne sono state amputate dalla loro sessualità attraverso la nozione di "donna normale" prodotta dalla società dei consumi (concepita dagli uomini).

Politica sessuale - Kate Millett (1970)

Dalla sua tesi di dottorato, questo libro di Millet discute il ruolo che il patriarcato (in senso politico) svolge nei rapporti sessuali. Per sollevare la sua tesi, esplora (negativamente) le opere di DH Lawrence, Henry Miller e Sigmund Freud, tra gli altri.

La sorella, la straniera - Audre Lorde (1984)

In questa raccolta di saggi e discorsi Lorde parla di sessismo, razzismo, lesbiche nere e altro ancora.

Il mito della bellezza - Naomi Wolf (1990)

Wolf esplora gli "standard normativi della bellezza" che minano le donne politicamente e psicologicamente e si propagano nelle industrie della moda, della bellezza e della pubblicità.

Il genere controverso - Judith Butler (1990)

Questo libro, importante sia nella teoria femminista che nella teoria queer, ha introdotto il concetto di "genere performativo" che essenzialmente significa che il comportamento crea genere.

Il femminismo è per tutti - Bell Hooks (2000)

Hooks si concentra sull'intersezione tra genere, razza e socio-politica.

Manifesta: giovani donne, femminismo e futuro - Jennifer Baumgardner e Amy Richards (2000) *

Questi autori esplorano lo stato del femminismo nel 2000, quando il movimento si trovò a un crocevia tra le femministe del "potere femminile", che cercavano il potere personale e istituzioni come la signora e NOW, che combattevano per politiche di uguaglianza.

ADDENDA

Caliban e la strega. Donne, corpo e accumulazione primitiva - Silvia Federici (2004)

Un libro emblematico del rapporto tra dominazione femminile e capitalismo. Usando la figura della "strega" e la persecuzione che, con questo pretesto, le donne hanno sofferto in diverse società ed epoche, Federici spiega la trasformazione avvenuta con le donne durante il passaggio dal feudalesimo al capitalismo.

Pane e rose - Andrea D'Atri (2004)

Un libro che esplora il ruolo decisivo - ma raramente rivendicato - delle donne nei diversi movimenti sociali della storia moderna, dai giorni della Rivoluzione francese ai nostri giorni.

King Kong Theory - Virginie Despentes (2006)

Virginie Despentes propone una revisione del destino che la rivoluzione sessuale degli anni '60 ebbe in Occidente nel 21 ° secolo, tenendo conto della proliferazione della violenza sessuale, della prostituzione e della pornografia in cui è attualmente vissuta. Il libro è anche scritto in uno stile furioso ed eclettico che ha immediatamente attirato l'attenzione.

Femminismi neri An anthology - VVAA (2012)

Numerosi autori danno il loro contributo alla discussione femminista, con un'importante aggiunta: il loro status di donne di colore.

NB La maggior parte di questi libri è digitalizzata su Internet. Basta cercarli con il tipo di file PDF.

Anche in Pajama Surf: i consigli di Virginia Woolf sulla vita, la letteratura e lo status delle donne

Immagine di copertina: illustrazione di King Kong Theory