4:20: Giornata mondiale della marijuana: storia della data, armamentario e cambiamenti di atteggiamento attorno alla cannabis

Oggi si celebra 4:20

Oggi è la Giornata mondiale della marijuana, 4/20, una festa che è stata a lungo controculturale, ma ora parte dell'economia mainstream e legale in alcuni paesi. Di solito viene celebrato con le marce in strada o con grandi incontri in cui la cannabis viene ovviamente fumata. Questo video mostra come la percezione della cannabis è cambiata nel corso della storia:

L'origine di questa celebrazione, che viene ricordata dai fan della marijuana ogni giorno con 4:20 (il codice per il tempo del fumo), è piuttosto curiosa. Per 3 o 4 decenni - a seconda dei casi, la data è diffusa e il tempo diventa fumo - 4/20 è diventato un codice leggendario che allude a fumare una canna nel pomeriggio. L'origine di questa celebrazione si trova in un gruppo di studenti delle scuole superiori (noto come "Los Waldos") di San Rafael, in California, che hanno preso l'abitudine di incontrarsi ogni giorno dopo la scuola alle 16:20 per fumare Marijuana accanto alla statua di Louis Pasteur. Il tempo coincide con quello in cui si è concluso il periodo di detenzione con cui vengono penalizzati gli studenti indisciplinati, una pratica molto comune nel sistema scolastico degli Stati Uniti. E nonostante il fatto che la maggior parte fosse in ritardo per l'appuntamento, onorando la flessibilità temporanea dei fumatori di marijuana, questo rituale trascenderebbe questo gruppo di studenti a diventare il codice mondiale della marijuana.

Tradizionalmente, una rivista popolare dedicata alla marijuana e ai narcotici, gli High Times, celebra anche il suo partito a New York, al quale solo 420 persone hanno generalmente accesso e in cui viene annunciata la ragazza degli High Times o Miss Marihuana. Quest'anno il premio è diventato un onore per le donne che fanno qualcosa per l'industria o per la ricerca sulla cannabis e non per la tipica celebrazione della bellezza in costume da bagno. In precedenza, le caratteristiche che il vincitore doveva raccogliere erano "essere incredibilmente carini e fumare molto, ma molta marijuana". Inoltre, i partecipanti saranno valutati nella loro conoscenza delle proposte a favore della legalizzazione e saranno ricercate le ragazze che "vogliono portare le cose a un livello superiore".

Alcuni degli epicentri dei festeggiamenti sono ad Amsterdam, in Nuova Zelanda, a Vancouver, a Boulder (e in tutto il Colorado), a San Rafael, in Uruguay, a Roma e in altre città.

Altro sulla cannabis:

Per celebrare la Giornata mondiale della marijuana (4/20) condividiamo 5 buoni argomenti per promuoverne la legalizzazione

Fai crescere il tuo (per una vita psiconautica autosufficiente)

Perché la marijuana è illegale? (Storia della criminalizzazione di una pianta)

Il Portogallo e la sua riuscita depenalizzazione delle droghe

L'Olanda chiuderà le sue prigioni per mancanza di criminali

Carburante alla canapa a soli 50 centesimi al gallone

Effetti sulla salute e usi medici che la marijuana ha:

Quanto è avvincente la marijuana e quali problemi di salute presenta?

La marijuana può danneggiare il cervello degli adolescenti (ma aiuta gli anziani)

L'unico effetto negativo provato della marijuana: la memoria diminuisce

La scoperta scientifica potrebbe rendere la cannabis la nuova aspirina

La cannabis riduce i tumori del cancro al seno

Sesso e marijuana: i fumatori di marijuana hanno più partner sessuali; le donne godono di più a letto con la cannabis

Un po 'di armamentario:

Ganja Gourmet: l'azienda offre cibo raffinato a base di cannabis a casa

Regine di marijuana: 100 donne che amano la ganja

Il critico della cannabis: guadagnare denaro fumando ganja

" Marijuanaman ": il supereroe ganja può salvare il mondo?

Non essere mai arrestato: l'esplosione brucia il karma e dà consigli ai fumatori di pot per prendere in giro la legge

Highs Times nomina la Marijuana Girl 2010

I 10 migliori fumatori di marijuana di maggior successo al mondo

Carl Sagan scrive dei benefici della marijuana

Marijuana presidenziale: 1 su 4 presidenti degli Stati Uniti ha usato la cannabis