7,2 milioni di consumatori: il potenziale mercato della marijuana in Messico

Il Messico potrebbe diventare il prossimo paese a legalizzare l'uso ricreativo di marijuana

Secondo quanto osservato negli ultimi anni, sembra molto probabile che l'uso di marijuana ricreativa inizierà a essere legalizzato a poco a poco in un numero sempre maggiore di paesi. Sulla base delle esperienze in paesi europei come il Portogallo o i Paesi Bassi e, più recentemente, negli Stati Uniti e in Canada, la marijuana potrebbe diventare gli anni a venire in un bene di consumo in grado di dare impulso a determinate aree dell'economia mondo.

In Messico, questa è la prospettiva sostenuta dalla National Association of the Cannabis Industry (Anicann), che ha recentemente pubblicato uno studio in cui ha scoperto che il potenziale mercato della marijuana in Messico potrebbe raggiungere 7, 2 milioni di consumatori ricreativi, che potrebbe generare profitti fino a 5 miliardi di dollari all'anno.

Queste cifre sono presentate in un momento in cui il Congresso messicano discute della legalizzazione dell'uso di marijuana. Sia la Camera dei deputati che i senatori hanno sottoscritto iniziative legali che propongono la legalizzazione di varie azioni associate alla cannabis, dalla semina e porting al trasporto, fornitura, promozione e, naturalmente, la vendita e il consumo.

Tra queste, si considera la creazione di un Istituto messicano di cannabis che, in coordinamento con il Ministero della Salute del Paese, regolerà il controllo sanitario e l'uso della marijuana per scopi legalmente autorizzati.

Al momento, Anicann riunisce 200 imprenditori che sono pronti a investire nel mercato per l'uso ricreativo della marijuana non appena queste fatture vengono approvate.

Anche in Pajama Surf: la marijuana deve essere legalizzata: 5 buoni motivi