'Back to the source', il miglior documentario sulla filosofia in 'Matrix'

Questo documentario del 2004 ha esplorato le chiavi filosofiche presenti nella trilogia di "Matrix"

Questo 2019 segna il 20 ° anniversario della premiere di The Matrix, un film che ha già guadagnato una reputazione per il film cult, in buona misura perché il suo contenuto è in alcuni aspetti lontano dai soliti temi del mainstream e tuttavia è stato in grado di affascinare milioni di persone in tutto il mondo.

Nello specifico, ci riferiamo ai collegamenti tra The Matrix e alcuni dei problemi fondamentali della filosofia e anche con le risposte fornite. Matrix è stato ammirevole per molti perché ha saputo guidare la riflessione sulla conoscenza e sull'essere attraverso una storia di fantascienza distopica ed estetica cyberpunk . A volte The Matrix è come aver messo in scena un dialogo platonico nella futuristica città di Blade Runner, e senza dubbio quella combinazione inaspettata è stata una delle ragioni del suo successo.

Il video che accompagna questa nota è uno degli effetti fortunati del nastro. Questo è un documentario pubblicato nel 2004 in cui Josh Oreck, il suo regista, decise di "decodificare" il nastro degli ex fratelli Wachowski e di offrire le chiavi filosofiche che permettevano loro di capirlo meglio. Vale la pena ricordare che per il suo anno di produzione, il documentario ha avuto una visione panoramica dell'intera trilogia di Matrix .

Al documentario hanno partecipato il filosofo Daniel C. Dennett e lo scrittore Ken Wilber, tra gli altri pensatori, professori e specialisti.

Anche in Pajama Surf: 20 anni di "The Matrix", il grande film gnostico dei nostri tempi