Lo spirito tedesco è transistorico

Lo spirito tedesco è immortale

Tra le letture riguardanti il ​​mondo tedesco, è essenziale includere letture come lo hobbit di Tolkien. Sebbene dal punto di vista storico che riguarda il mondo contingente e temporale, la lettura di tali argomenti non è considerata seria dagli accademici ordinari, perché non consente, presumibilmente, una conoscenza reale e non fittizia di tali tradizioni, che è conforme al fatti della stessa in questione e senza successive alterazioni, la verità è che permette una vera conoscenza della sua essenza. Poiché non è nella cultura storica e temporale in cui si trova la cultura germanica, ma in tutto ciò che porta lo spirito germanico senza tempo, viene data nel tempo, nel luogo e nel modo in cui si verifica. Mi rivolgo allo spirito della Germania, all'anima del germanico, a quel nucleo senza tempo che può rompersi in tempi diversi ma è al di là di essi. Il tedesco è attuale. Il tedesco è presente. Lo spirito tedesco vive in me e in tutti coloro che lo adorano. Lo spirito tedesco è immortale. Chiuderò gli occhi su date e geografia, su dati empirici che mi parlano dell'esterno, delle apparenze, di tutto ciò che non mi interessa, e rivolgerò lo sguardo verso l'interno, verso la qualità, verso il respiro germanico che È vestito con una moltitudine di forme passate e attuali. Con l'occhio interiore riconoscerò ciò che è profondamente e rigorosamente tedesco, nello spirito, di ciò che non lo è. E Tolkien è rigoroso e profondamente tedesco, sussurra il mio buon senso interiore. Lo so perché leggendolo aspiro allo stesso profumo. Dal profumo è riconosciuto.

Facebook: Sofia Tudela Gastañeta

Immagine: Alan Leeti