Nel 2050 l'essere umano sarà estinto o immortale, dicono gli esperti

L'umanità è in un momento chiave per il suo futuro come specie

Nel tempo in cui corrono, ci sono poche voci che predicono una specie di catastrofe finale per l'essere umano. Profezie di quel tipo non sono mancate nella nostra storia, ma la verità è che attualmente diversi segni sembrano incoraggiare questi inquietanti presagi; Quello principale è senza dubbio lo stato critico in cui l'ambiente è in generale, dovuto direttamente all'attività umana.

La contaminazione con diverse questioni dei suoli, dei mari e persino dell'aria, lo sterminio di centinaia di specie, la sovrappopolazione, il potenziale rischio di un'epidemia ... In breve, la verità è che il contesto generale in cui viviamo non sembra molto incoraggiante per la nostra sopravvivenza, e ancora di più perché non sembrano esserci azioni serie per risolvere questa situazione.

Tuttavia, alcuni importanti sforzi si concentrano su un campo diametralmente opposto a tali bisogni urgenti. Come è noto, ci sono pochi progetti al mondo che cercano il miglioramento dell'intelligenza artificiale, con l'obiettivo di ottenere una sorta di supercomputer che imita il funzionamento del cervello umano e alla fine sostituisca la nostra specie in determinate azioni.

Questa ricerca, tuttavia, come quella del Dr. Frankenstein nel romanzo di Mary B. Shelley, potrebbe essere la nostra rovina. Almeno questo è ciò che diversi esperti in materia hanno preso in considerazione, come gli imprenditori Bill Gates ed Elon Musk, l'autore Jeff Nesbit o lo scienziato Stephen Hawking, che dalle loro rispettive posizioni hanno espresso le loro riserve verso le ambiziose rivendicazioni degli sviluppi dell'intelligenza artificiale .

All'incirca, il punto di vista a cui si oppone l'intelligenza artificiale tiene conto di due momenti capitali dello sviluppo tecnologico: il primo decennio del ventesimo secolo e gli anni intermedi dello stesso periodo; Ognuno di questi momenti ha portato a due dei conflitti più sanguinosi della nostra storia.

Ma mentre questi erano momenti emblematici, la verità è che ogni volta che l'essere umano ha fatto un salto tecnologico, quella conoscenza è stata usata per ucciderci in mezzo a noi. La metallurgia, la scoperta della polvere da sparo, l'invenzione del motore, la manipolazione dell'energia nucleare ... praticamente non c'è tecnologia che non sia stata utilizzata in una guerra.

In tal senso, i personaggi di cui sopra si sono chiesti quale sarà l'uso bellico dell'intelligenza artificiale e, inoltre, se "l'automazione" e la "depersonalizzazione" che il suo uso implicano non causeranno una catastrofe ancora più estrema di Hanno già vissuto. Se in Giappone, nel 1945, fosse sufficiente premere un pulsante per uccidere milioni di persone, cosa accadrà quando c'è un'intelligenza artificiale dietro l'ordine di sterminare gli esseri umani?

A questo proposito, nel luglio 2015 Musk, Hawking e altri hanno firmato una lettera in cui, tra le altre considerazioni, si diceva:

Le armi autonome sono ideali per compiti come assassini, destabilizzazione di nazioni, sottomissione di popolazioni e uccisioni selettive di un particolare gruppo etnico.

L'approccio radicalmente opposto è quello di Ray Kurzweil, inventore e futurologo e uno dei più grandi appassionati dei benefici dell'intelligenza artificiale per il destino della nostra specie. Kurzweil ha elogiato in diversi momenti il ​​ruolo che l'intelligenza artificiale ha avuto negli ultimi anni in campi come la medicina, i trasporti, l'istruzione e molti altri, che potrebbero sembrare argomenti sufficienti per continuare a esplorare in quella zona. In effetti, Kurzweil afferma che la ricerca sull'intelligenza artificiale potrebbe portare a offrire l'immortalità alla specie umana. Proprio così: l'immortalità.

A questo punto, ci si potrebbe chiedere se il pianeta ha davvero bisogno di esseri umani immortali e, ancora più modestamente, se noi stessi, come specie, dobbiamo essere immortali.

Al di là delle probabilità (remote o reali) di uno o un altro scenario, l'Apocalisse o l'immortalità, il singolo approccio di ciascuno dovrebbe essere sufficiente per chiederci la direzione che stiamo seguendo come specie e se vogliamo continuare a dirigerci verso quell'obiettivo.

Anche in Pajama Surf: Transumanesimo: un materialismo gnostico che vuole attuare un piano per evacuare il corpo e la realtà