Questa scena di "Il Trono di Spade" mostra perché leggere e scrivere è così importante

Questa sequenza di "Il Trono di Spade" offre una definizione precisa, anche se un po 'brutale, dell'effetto che la lettura ha sulla nostra vita.

In Pajama Surf abbiamo pubblicato prima alcune note che potrebbero essere prese come elogio per la cultura della scrittura. Qualche tempo fa abbiamo lucidato un passaggio di Carl Sagan sul progresso esponenziale che lo sviluppo del linguaggio ha portato alla nostra civiltà e recentemente abbiamo pubblicato questo commento a un passaggio del Fedro de Platone, sull'argomento della scrittura in relazione al bene, alla giustizia e bellezza.

Ai nostri tempi potremmo pensare che non sia necessario "lodare" la scrittura o la lettura, poiché in generale la maggior parte di noi considera entrambe le attività a priori positive, utili o utili. In termini semplici, la maggioranza può accettare che leggere sia una cosa buona o redditizia, e anche scrivere (o almeno sapere come farlo).

Tuttavia, quando iniziamo a riflettere sul perché abbiamo questa opinione favorevole sulla cultura della scrittura, forse molti di noi si rendono conto che si tratta di una sorta di prenocalizzazione per la quale non abbiamo i nostri argomenti per sostenerlo. Sappiamo che saper leggere e scrivere è buono, e anche coltivare l'abitudine alla lettura, ma perché?

Il video che condividiamo di seguito è una scena della popolare serie Game of Thrones (David Benioff e DB Weiss, 2011-2019), in particolare, dal primo capitolo della settima stagione. In esso possiamo ascoltare una forte discussione sull'importanza dei libri, della lettura e della scrittura. Vediamo

Non siamo come le persone a sud di Los Gemelos. Né siamo come le persone a nord di Los Gemelos. Nella Cittadella viviamo una vita diversa per diversi motivi. Siamo il ricordo di questo mondo, Samwell Tarly, senza di noi gli uomini non sarebbero meglio dei cani, che non ricordano alcun cibo oltre l'ultimo o non ne vedono un altro oltre il prossimo, che ogni volta che lasci la casa e chiudi la porta ululando come se fossi andato per sempre. Quando la ribellione di Robert stava esplodendo, la gente pensava che la fine fosse vicina. La fine della dinastia Targaryen, come sopravviveremo? Quando Aegon Targaryen volse gli occhi a ovest e portò i suoi draghi a Blackwater, "la fine è vicina, come sopravviveremo?" E, migliaia di anni prima, durante la lunga notte, potremmo essere perdonati per aver pensato che fosse davvero la fine, ma non lo era, niente di tutto ciò. Il muro ha resistito a tutto e ogni inverno che è arrivato è finito.

Il confronto tra l'essere umano e un animale come il cane potrebbe sembrare esagerato, ma questa non è la prima volta nella storia in cui tale figura o simile viene utilizzata per mostrare che il linguaggio è uno degli elementi decisivi che ci contraddistinguono di animali Come si dice nella scena, il linguaggio ci consente di registrare ciò che sappiamo del mondo e della realtà, che a sua volta può portare a preservarlo, confrontarlo, trasmetterlo attraverso il tempo e lo spazio, riviverlo in condizioni molto diverse da quelle in cui ha avuto origine e molto altro.

In poche parole, generare conoscenza. La conoscenza che ci rende umani e ci consente di sviluppare il nostro potenziale.

Anche in Pajama Surf: 10 libri per accelerare la tua evoluzione personale