I ricercatori trovano la "ricetta" in modo che i social network non ti deprimano e ti alienino

Devi limitare il tuo tempo sui social media

Non è più segreto che l'uso o l'abuso dei social network possa causare gravi disturbi psicologici e creare problemi di abbandono. Vari studi dimostrano che i social network come Instagram sono collegati all'ansia e alla depressione. In questo senso, è emerso un intero movimento legato all'igiene digitale.

Di recente, un gruppo di ricercatori dell'Università della Pennsylvania ha cercato di quantificare gli effetti dei social network e di vedere se le persone si sentivano meglio se limitavano il loro uso dei social media . Lo studio ha prodotto una cifra interessante: per una persona che non ha effetti negativi significativi, non dovrebbe passare più di 30 minuti al giorno utilizzando i social network.

Per lo studio, sono stati reclutati 143 studenti universitari con account FB, Instagram e Snapchat sul proprio iPhone. Il loro uso settimanale di queste applicazioni sui telefoni è stato monitorato e quindi i partecipanti hanno risposto a un questionario in cui hanno valutato cose come il sentimento di solitudine o la perdita di qualcosa (aka FOMO ), la loro autonomia, auto-accettazione, ansia, depressione, autostima e sentirsi supportati.

Successivamente, l'esperimento è stato condotto: un gruppo ha continuato a utilizzare i social network come sempre, e un altro ha dovuto limitarne l'utilizzo a 10 minuti al giorno. Alla fine, i ricercatori hanno concluso che "l'utilizzo dei social network in misura inferiore rispetto a quelli normalmente utilizzati comporta una significativa riduzione della depressione e della solitudine". Poiché sanno che eliminare del tutto l'uso non è plausibile, hanno raggiunto un limite: 30 minuti.

In generale, è evidente che la nostra società viene abusata durante l'utilizzo dei social media, e ciò è in parte dovuto al fatto che gli utenti non sono consapevoli degli effetti del suo utilizzo e dei modi in cui le aziende manipolano gli utenti tienili agganciati, volendo sempre di più. Qualcuno ha confrontato gli smartphone con le slot machine dei casinò che lasciano i clienti con un misto di desiderio e insoddisfazione, con l'idea che forse la prossima volta vinceranno o che la prossima volta che entreranno nel loro Instagram riceveranno piace e vedrà le immagini che vogliono dai loro amici. Questo perché i progettisti e i dirigenti di questi prodotti usano meccanismi per disturbare il sistema di ricompensa del cervello, basato sulla dopamina (a questo proposito, scriviamo ampiamente in questo articolo).