Il jazzista suona la chitarra mentre i medici rimuovono un tumore al cervello (VIDEO)

Chirurgia cerebrale con pazienti che suonano la chitarra o cantano mentre rimuovono un tumore, una delle meraviglie della medicina moderna

La procedura chirurgica di craniotomia si sveglia non solo consente al paziente di essere sveglio, ma beneficia anche della sua attenzione. In una recente operazione, al musicista jazz sudafricano Musa Manzini è stato chiesto di suonare la chitarra per aiutare i medici a monitorare lo sviluppo dell'operazione. Apparentemente, se il musicista improvvisamente suonasse stonato o avesse perso la coordinazione, questo avrebbe detto ai medici che anche loro, per così dire, avevano toccato una brutta corda nel cervello.

Sebbene siano ancora sorprendenti, queste procedure sono state eseguite per diversi anni. Un caso famoso, nel 2014, è stato quando i medici dell'Università del Texas hanno operato il musicista Robert Alvarez mentre suonava la chitarra. Alvarez ha interpretato "Creep" di Radiohead, teschio aperto. Secondo il medico, la procedura scorreva perfettamente come una sinfonia. In un altro caso, il tenore Ambroz Bajec-Lapajne ha cantato "Gute Nacht" di Schubert mentre i medici hanno rimosso un tumore al cervello. Senza dubbio, l'incontro tra medicina e musica è qualcosa di affascinante.