I 50 libri che hanno cambiato la vita di Tolstoj

I libri possono accompagnare una vita e illuminarla in modi sempre diversi

Si è spesso sentito che i libri sono in grado di cambiare la vita di una persona, ma cosa significa davvero questa affermazione? Al di là della campagna di promozione della lettura in cui potrebbe essere utilizzato o dei benefici che di solito sono attribuiti ai libri, perché si dice che possano trasformare l'esistenza?

La risposta è, in una certa misura, semplice. Basti pensare che un libro può essere l'espressione di un'esperienza soggettiva. In questo senso, i libri sono paragonabili a quelle conversazioni che possiamo avere con alcuni amici e in cui canalizziamo anche quella soggettività. Chi non ha condiviso i propri dubbi esistenziali con un amico? Chi non ha cercato l'amicizia in consiglio contro un dilemma? Chi, in un dato pomeriggio, non ha parlato con un amico dei suoi problemi d'amore, delle sue paure, delle sue preoccupazioni e persino della sua rabbia? E chi non ha sentito da quell'amico, a volte, una risposta che ci commuove o ci incoraggia, che ci fa vedere i nostri problemi in un altro modo e che forse ci porta a una certa forma della soluzione? Non si può dire allora che, in una tale conversazione, la nostra vita è cambiata, in misura maggiore o minore?

Ciò può accadere anche con un libro. Quindi, le principali opere di letteratura, filosofia e alcune altre discipline vengono confrontate con conversazioni che possiamo tenere con alcune delle persone più eminenti dei tempi passati e talvolta dei nostri tempi. "Vivo in una conversazione con il defunto", ha scritto Francisco de Quevedo in un sonetto dedicato alla lettura e Carl Sagan ha usato parole molto simili quando ha detto, in questo elogio alla cultura della scrittura e della lettura, che "i libri si rompono i legami del tempo ". È anche una conversazione con gli spiriti che a volte concordano con le nostre opinioni ma, più spesso, ci invitano a pensare in modo diverso, anche contro le idee attraverso le quali sperimentiamo la realtà ( come ha detto Charles Dantzig, il quale sostiene di leggere, tra l'altro, di contraddirsi).

Leggere, in questo senso, non può essere altro che parlare e farlo con persone nelle quali possiamo trovare ugualmente consigli e compassione, ispirazione, insegnamento, apertura di giudizio, saggezza, calore e talvolta solo il sentimento di una strana compagnia, di Qualcuno che potrebbe non essere qui ma è ancora presente nella misura in cui, attraverso la nostra comprensione, anche la realtà ci abita. E questo non succede anche con gli amici? Non è anche che, per tutta la vita, gli amici cambiano o le conversazioni cambiano?

Di seguito condividiamo un ampio elenco di titoli e autori che hanno trasformato la vita di uno di quegli scrittori che, a loro volta, sono diventati parte di coloro che sono sempre disposti a parlare con noi: León Tolstoy.

Nel 1891, quando Tolstoj aveva già 63 anni, un editore di una rivista russa chiese a 2000 personalità dei media letterari, intellettuali e artistici del paese di sottolineare i libri che avevano avuto la maggiore influenza sulla sua vita. Tolstoj ha risposto, classificando i titoli in base ai diversi periodi della sua vita e, inoltre, specificando il grado di impressione che il suddetto lavoro gli ha causato.

Nel nostro caso, accompagniamo i titoli di alcuni link in cui le opere citate possono essere digitalizzate, per soddisfare la curiosità di alcuni.

Nell'infanzia e fino a 14 anni

-Grande stampa

Racconti di mille e una notte : "Ali Baba e i quaranta ladri", "La storia del principe Kamaralzamán"

Poesie di Pushkin: "Napoléon"

-Molto grande stampa

La gallina nera o il regno della metropolitana, Antonii Pogorelsky

- Impressione enorme

La storia di Joseph dalla Bibbia

Bylina *: Dobrynya Nikitich, Ilya Muromets, Alyosha Popovich

* Storie popolari russe raccontate sotto forma di poesia epica; I nomi corrispondono a quelli degli eroi che recitano in loro.

Tra 14 e 20 anni

-Grande stampa

Storia della conquista del Messico, William Prescott (Volume I e Volume II)

"Il cappotto", "I due Ivan", "La prospettiva Nevsky", di Nikolai Gogol

-Molto grande stampa

Viaggio sentimentale, Laurence Sterne

Un eroe del nostro tempo, Mikhail Lermontov

Anton lo sfortunato, Dmitry Grigorovich

Polinka Saks, Aleksandr Druzhinin

Quaderno di un atleta *, Ivan Turgeniev

(* In spagnolo, il titolo di questo lavoro è stato tradotto in diversi modi. Può essere trovato pubblicato o indicato come Schizzi di un atleta, Un atleta di schizzi, Schizzi di un atleta o Quaderno di atleti )

Dead Souls, Nikolai Gogol

I banditi, Friedrich Schiller

Evgenij Onegin, Alexander Pushkin

Julia o la nuova Eloísa, Jean-Jacques Rousseau

- Impressione enorme

Il "Sermone sul Monte" del Vangelo secondo San Matteo

Le confessioni, Jean Jacques-Rousseau

Emilio, Jean Jacques-Rousseau

“El Viy”, di Nikolai Gogol

David Copperfield, Charles Dickens

Tra 20 e 35 anni

-Grande stampa

Poesie di Fyodor Ivanovich Tyutchev

Poesie di Aleksey Koltsov

Iliad and Odyssey, Homer (leggi in russo)

Afanasy Fet Poems

Il banchetto e Fedone, Platone.

-Molto grande stampa

Hermann e Dorotea, JW Von Goethe

Nostra Signora di Parigi, Victor Hugo

- Impressione enorme

(Vuoto)


Tra 35 e 50 anni

-Grande stampa

Romanzi di Henry Wood

I romanzi di George Eliot

I romanzi di Anthony Trollope

-Molto grande stampa

Iliade e Odissea, Omero (leggi in greco)

Bylina (vedi nota precedente)

Anabasi, Senofonte

- Impressione enorme

Il miserabile, Victor Hugo

Tra 50 e 63 anni

-Grande stampa

Discorsi sulla religione, Theodore Parker

I sermoni di Frederick William Robertson

-Molto grande stampa

La genesi (leggi in ebraico)

Progresso e miseria, Henry George

L'essenza del cristianesimo, Ludwig Feuerbach (Tolstoj notò: "Ho dimenticato il titolo; il libro sul cristianesimo").

- Impressione enorme

I Vangeli (leggi in greco)

Pensieri, Blaise Pascal

Epitteto

Confucio e menzione

Lalitavistara Sūtra *

* Tolstoj notò: “Sul Buddha; Famoso francese (l'ho dimenticato) ”; ne consegue che il libro a cui si riferiva era la traduzione di detto sutra che Philippe-Édouard Foucaux realizzò alla fine del XIX secolo e che fu pubblicato in Francia tra il 1844 e il 1892. Foucaux fu un pioniere degli studi tibetani in Francia e il primo in pubblicare una grammatica della lingua tibetana in francese. Il Lalitavistara Sūtra, d'altra parte, è un sutra buddista della tradizione Mahayana in cui la storia del Buddha Gautama è raccontata dal tempo della sua discesa da Tushita (cioè dalla sua incarnazione come Siddhārtha Gautama) al suo primo sermone in il Deer Park di Benares.

L'elenco è certamente ammirevole e, oltre a evidenziare l'itinerario dello scrittore come lettore, può certamente servire da guida per le nostre scelte di libri.

Anche in Pajama Surf: l'argomento di Tolstoy per diventare vegetariano è irrefutabile