Il neuroscienziato spiega perché l'ayahuasca non è una sostanza giocosa

Jordi Ribas, uno dei massimi esperti di ayahuasca nel mondo, spiega perché non dovresti consumare ayahuasca da diporto

All'interno del recente boom dell'ayahuasca e di altre sostanze psichedeliche, che ovviamente hanno effetti estremamente interessanti a fini terapeutici, molte persone iniziano a commercializzare questa pianta e molti utenti iniziano a usarla in modo ricreativo o ricreativo. Questo uso, tuttavia, non solo comporta un certo pericolo, ma è una sciocchezza e va contro la natura di questa miscela medicinale. È quanto ha affermato il neuroscienziato Jordi Ribas in una recente intervista. Ribas è uno dei massimi esperti al mondo nella farmacologia dell'ayahuasca ed è stato recentemente nominato da Rolling Stone uno dei 25 scienziati più influenti nel futuro della scienza.

La proliferazione del turismo psichedelico produce anche una banalizzazione delle esperienze psichedeliche, qualcosa di preoccupante poiché una parte importante di esse è il contesto in cui vengono svolte e la conoscenza delle persone che le facilitano e supervisionano. Note di ribas:

Dà un po 'di vertigine per vedere come sta analizzando. Vedi le persone che organizzano sessioni di ayahuasca in tutti i luoghi, come appare nel "New York Times" come un'esperienza alla moda ... Capisco che ci sono persone che partecipano a queste sessioni pensando che passeranno un tempo piacevole, giocoso e giocoso Non ha niente ...

Ho valutato le persone che l'hanno consumato per un po 'e mi spiegano che credono che dopo le esperienze vissute acquisiscono una conoscenza che per la loro vita è utile, ma che a volte sono nella sessione per prendere l'infusione e pensare' cosa devo fare Sono qui sapendo cosa sta arrivando! ' Tutti sottolineano che non è una droga giocosa, al contrario. Se vuoi scappare dai tuoi problemi, prendere l'ayahuasca è l'ultima cosa che dovresti fare, perché li mette di fronte ai tuoi occhi e li reesperisce molte volte in modo doloroso.

Ha una serie di inconvenienti che lo rendono spiacevole. Nella sua forma abituale, ha un sapore orribile, ha anche un cattivo odore, produce una sensazione di bruciore allo stomaco e nausea quasi immediata al momento dell'assunzione. Inoltre, è abbastanza comune per la persona, dopo averlo preso, vomitare. Giocoso ha molto poco. Se aggiungi a questo le esperienze possono essere scioccanti ed emotivamente dolorose ... Questa è una barriera di sicurezza per me.

Ribas indica che la parte spiacevole dell'esperienza, sia il processo fisico che di solito produce il vomito sia la purga psico-emotiva, sono, in qualche modo, una valvola di sicurezza che aiuta l'ayahuasca a non essere abusata a livello ricreativo, come altri farmaci che Sono più piacevoli. Ciò che rende speciale l'ayahuasca è che l'esperienza richiede una certa difficoltà, un certo disagio, e in questo è come la vita che inevitabilmente contiene morte e sofferenza. Per questo motivo, l'esperienza ricreativa dell'ayahuasca è una cattiva idea ed è in qualche modo non plausibile, dal momento che non è qualcosa di molto divertente e leggero sperimentare un gusto orribile, vomito o diarrea e altri sintomi che di solito accompagnano l'assunzione. D'altra parte, un atteggiamento frivolo di puro divertimento e / o la combinazione con altre sostanze di solito ha risultati nefasti e sicuramente pericolosi. Quindi, in un certo senso, vedere l'ayahuasca come un'esperienza giocosa significa tradire il tuo spirito, ridurlo, mettere in discussione il tuo potere di guarigione e metterti a rischio. L'ayahuasca deve ovviamente essere trattata come qualcosa di serio, proprio come si fa con la salute o con un serio processo terapeutico.

Il dibattito sulla possibilità di formulare una versione sintetica dell'ayahuasca in cui si possano evitare gli effetti e gli aspetti spiacevoli dell'assunzione, e nel tempo; creare una versione per la società dei consumi e se può essere altrettanto trasformativa ed efficace senza l'intero processo di attraversamento degli aspetti più dolorosi e spiacevoli. Sebbene sia possibile che una versione farmacologica dell'ayahuasca, ingerita in un ambiente completamente confortevole e sicuro, possa avere alcuni usi medici, è difficile pensare che questa versione non sarà necessariamente una lite ayahuasca e quindi meno in grado di effettuare una trasformazione radicale, poiché l'essere umano da trasformare generalmente ha bisogno di superare alcune difficoltà e l'apprendimento non è mai così profondo come quando soffre

Le applicazioni dell'ayahuasca in futuro potrebbero essere nel campo degli antidepressivi, nel trattamento delle dipendenze e nel trattamento di diverse malattie neurodegenerative, poiché lo stesso Ribas ha notato che l'ayahuasca è in grado di produrre nuove connessioni neurali "due dei composti presenti nella liana, le beta-carboline, hanno effetti neurogenici molto potenti ... Stimolano la proliferazione del numero di queste cellule staminali e la loro migrazione per integrarsi nei circuiti cerebrali preesistenti dove diventano neuroni funzionali. tre processi sono stimolati da questi due composti di liana ", afferma Ribas.