La pillola di emergenza contro l'HIV è ora disponibile in Messico

Prima di considerare la profilassi post-esposizione (PEP) come opzione, è importante considerare che esistono misure preventive per la salute sessuale

Conosciuto come "pillole il giorno dopo l'HIV", questo trattamento sta salvando la vita di centinaia di persone che sono state esposte al virus dell'immunodeficienza umana (HIV). Solo nel Messico, nel 2016 c'erano circa 220.000 persone che vivevano con l'HIV, comprese le donne in gravidanza e le persone che avevano subito stupri e altre situazioni di rischio. Sfortunatamente, l'accesso alla terapia o al trattamento profilattico per prevenire la trasmissione era di circa 10.500 pesos messicani (un equivalente di 550 dollari).

Secondo l'ufficio delle Nazioni Unite in Messico, le popolazioni che affrontano maggiormente l'esposizione all'HIV sono donne eterosessuali con un partner stabile (i cui partner sono quelli che trasmettono l'infezione), persone che hanno subito uno stupro, neonati la cui madre stava portando il virus, le persone che usano droghe attraverso iniezioni (condivisione dell'ago), sex server, prigionieri e persone sia gay che trans.

Promozione della salute sessuale: misure preventive e azioni per combattere l'HIV

Prima di considerare la profilassi post-esposizione (PEP) come opzione, è importante considerare che esistono misure preventive per la salute sessuale. Vale a dire, la PEP è un farmaco antiretrovirale di emergenza che dovrebbe essere assunto solo in caso di esposizione al virus e quando le misure preventive non hanno funzionato.

Gli specialisti della salute sessuale, come medici, sessuologi, educatori del sesso e promotori della salute sessuale, raccomandano:

  • Avere almeno una volta all'anno test analitici di malattie sessualmente trasmissibili / malattie sessualmente trasmissibili.
  • Chiedi alla coppia test analitici di malattie sessualmente trasmissibili / malattie sessualmente trasmissibili, rompendo il mito dell'amore romantico secondo cui si tratta di antisxy o di sospetti di infedeltà.
  • Usa i preservativi (preservativi) per qualsiasi pratica sessuale: sì, dal sesso orale (per lei e lui) alla penetrazione (principalmente anale).
  • Comunicazione onesta e assertiva con il partner (sessuale) sulle condizioni di salute.

Tuttavia, ci sono momenti in cui bugie, insicurezza sociale o discriminazione generale possono avere un impatto sulla salute di diversi settori della popolazione senza accesso a trattamenti antiretrovirali. Di fronte a questo, in casi estremi, la profilassi post-esposizione (PEP) è il supporto di emergenza.

Antiretrovirali di emergenza dopo esposizione all'HIV

La PEP può essere assunta dalle prime ore e fino a 72 ore dopo essere stata esposta al virus. Mentre nel caso degli adulti è sufficiente una pillola di tenofovir (TDF) giornaliera di 300 mg + emtricitabina (FCT) di 200 mg + efavirenz (EFV) di 600 mg, nei bambini il trattamento consiste in Zidovudina (AZT) e lamivudina (3TC), con lopinavir potenziato con ritonavir (LPV / r).

Tuttavia, una volta avviata la PEP, è importante continuare con il trattamento completo, una o due volte al giorno per 28 giorni, senza dimenticare le misure preventive sopra menzionate.

In Messico, vi è una generale mancanza di conoscenza della PEP negli ospedali pubblici e privati. E mentre in farmacia costa circa 10.500 pesos (circa 550 dollari), presso la Clinica Condesa a Città del Messico e i CAPASITI in diversi stati della Repubblica, il farmaco viene fornito gratuitamente.

Ricorda che la cura di sé fa anche parte dell'esercizio della sessualità.

Anche in Pajama Surf: i medici sradicano l'HIV di un paziente a Londra e lo curano dall'AIDS

Foto principale: Getty Images