"Rubberband", un album perduto di Miles Davis, uscirà a settembre

Un progetto Davis incompiuto è stato finalmente completato e sarà rilasciato questo autunno.

Nella storia della musica (e, in generale, di tutte le attività creative) è frequente trovare progetti che i loro autori lasciano incompiuti, per motivi diversi. A volte sono le circostanze esterne che si frappongono tra la volontà dell'artista e la possibilità di continuare l'opera, a volte può essere una mancanza di ispirazione o fiducia personale, a volte sono anche i cambiamenti della cultura o della società che l'ambiente per la produzione di un'opera diventa sfavorevole.

In parte questo è stato il caso di Rubberband, un album che Miles Davis ha iniziato a registrare nel 1985 ma non è mai finito. Rubberband sarebbe stato anche il primo album di Davis sotto l'etichetta Warner Bros. Records, dopo la sua partenza dalla Columbia, una società con cui aveva trascorso gran parte della sua carriera.

Rubberband, d'altra parte, era un progetto nato in un'epoca in cui la produzione musicale assistita da dispositivi elettronici veniva imposta come metodo dominante e, di conseguenza, un'epoca in cui la figura del produttore musicale divenne importante fondamentale praticamente per tutte le fasi della creazione di un album.

In questo senso, Rubberband fu abbandonato da un altro progetto con migliori prospettive, Tutu, lanciato nel 1986. Il lavoro svolto in quel momento per Rubberband fu dimenticato in un archivio della Warner Bros. Records, forse senza che nessuno pensasse di riprenderlo.

Questo almeno fino a quando i produttori originali dell'album, Randy Hall e Zane Giles, hanno incontrato il nipote di Miles Davis, Vince Wilburn Jr., che aveva partecipato a Rubberband suonando le percussioni. Sulla base di questo background, i tre hanno deciso di dare all'album un modulo definitivo.

Già l'anno scorso, un piccolo campione di Rubberband è stato pubblicato in un omonimo EP con cinque varianti del tema.

Nel caso dell'album in questione, la sua data di uscita è prevista per il 6 settembre con l'etichetta Rhino, con un dipinto dello stesso Miles Davis sulla copertina e le seguenti tracce:

Rubberband
01 Rubberband of Life [ft. Ledisi]
02 Questo è
03 Paradise
04 So Emotional [ft. Lalah Hathaway]
05 Give It Up
06 Labirinto
07 Tempo di carnevale
08 Amo ciò che facciamo insieme [ft. Randy Hall]
09 Vedi I Vedi
10 Echoes in Time / The Wrinkle
11 Rubberband

Ecco la prima traccia :

Per Davis o per i fan del jazz in generale, questa è sicuramente una buona notizia, in quanto aggiunge un collegamento alla storia del genere stesso.

Anche in Pijama Surf: la storia spirituale del jazz in una playlist di 12 ore di musica trascendentalista