Tumblr vieta tutti i contenuti per adulti

A partire dal 17 dicembre, arrivederci al porno su Tumblr

In una decisione che ha generato un'enorme discussione sul web, Tumblr ha annunciato oggi che vieterà e rimuoverà tutti i contenuti per adulti dal suo sito. Parte della popolarità di questa rete di microblogging era dovuta proprio alle sue misure più lassiste in materia di pornografia e arte erotica. Ma negli ultimi tempi c'è stata una certa pressione per "ripulire" i tuoi file, dopo che hai trovato pornografia infantile memorizzata nei tuoi blog e che Apple, che è stata gestita con una politica totalmente contro la pornografia, elimina il tuo App dal tuo App Store.

D'altra parte, negli ultimi 2 anni il controllo della società sui social network è aumentato, poiché è stato identificato che possono essere agenti che mettono in discussione la democrazia e altri valori secolari, che genera una pressione che può portare a limitare o autocensura del tipo di contenuto mostrato, dalle notizie false ai video pornografici. Tumblr ha affermato di aver meditato molto sull'argomento e di aver deciso di eliminare tutti i contenuti per adulti, dal momento che sente la responsabilità nei confronti di diverse fasce di età, pensieri e dati demografici. In altre parole, non pensa più solo ai giovani che vogliono esprimere la propria creatività creando GIF o persone che vogliono guardare video e foto sexy e masturbarsi. Anche Google, inizialmente, faceva parte del suo impero grazie alla pornografia. Ma ora, il modello di business è cambiato.

Tumblr ha avvertito oggi che le sue nuove politiche metteranno il veto a tutti i contenuti che mostrano "veri genitali o capezzoli femminili", così come le immagini che mostrano atti sessuali (come fanno Instagram e Facebook), anche se lascerà immagini non sessualizzate di capezzoli femminili, come le donne Allattamento al seno o opere d'arte. Questo nel tentativo di "creare un luogo in cui più persone si sentano a proprio agio nell'esprimersi". Come dice The Guardian, l'attenzione ora non è tanto sul "diritto di pubblicare informazioni online"; Ora dovresti pensare al tipo di contenuto che viene pubblicato, perché se quel contenuto non è moderato, può essere offensivo o addirittura semplicemente dannoso per la salute mentale. Anche se Tumblr è stato celebrato al contrario, per essere un posto dove si potevano trovare immagini incredibili, GIF animate e disegni artistici che incoraggiavano la creatività, la verità è che proliferava anche pornografia di ogni genere. Certamente, il tipo di pornografia di Tumblr era generalmente più stimolante in senso creativo ed estetico rispetto a quello della maggior parte dei siti porno. Tuttavia, questo genera domande interessanti, come: in che misura è desiderabile la libertà di espressione, in particolare nel caso del porno, che è anche eminentemente patologico, offensivo e opprimente per numerosi gruppi all'interno della società? Non c'è dubbio che il mondo ha bisogno di più arte, ma probabilmente il mondo non ha bisogno di più porno; Ma se il porno genera arte? ... Certo, allora è piuttosto erotismo; Il problema è che non possono essere separati così facilmente. Separare la cannuccia dalla cannuccia in un sito delle dimensioni di Tumblr è difficile e apparentemente non sono riusciti a farlo.

Si sostiene inoltre che Tumblr fosse una sorta di risoluta apertura per l'espressione di comunità divergenti e non eterosessuali, che avevano un mezzo per esprimere la loro creatività e interessi sessuali, che sono scarsamente tollerati e marginalizzati dal mainstream. . Quindi per queste comunità può essere una cattiva notizia, sebbene Internet sia abbastanza vasta, come ha notato lo stesso CEO di Tumblr.

Alcuni critici sostengono che questa decisione di Tumblr rifletta semplicemente il fatto che fa parte di Oath, il mega-consorzio di società che comprende Huffington Post, Yahoo e AOL (una filiale di Verizon). Essere parte dei Big Media potrebbe aver portato alla pulizia dell'azienda, per così dire. Ma probabilmente, la realtà è che non era buono per il suo modello di business, basato sulla pubblicità (e NSFW non lo è). Tuttavia, questo potrebbe implicare, secondo alcuni analisti, la debacle di questo sito e scatenare un massiccio esodo verso piattaforme come Reddit. Certamente, esiste un'importante banda di analisti e critici che prevedono che precipiterà Tumblr. Qualcosa che è probabile, perché mentre è discutibile se continuare ad ammettere contenuti per adulti o meno, il problema è che sfortunatamente la piattaforma è stata costruita permettendogli, quindi in un certo senso ha tradito il suo "spirito". Ma i tempi cambiano e talvolta è tempo di morire.

Quindi, dal 17 dicembre, addio al porno e probabilmente anche a molta arte erotica digitale, alcune delle quali erano quasi psichedeliche.

Immagini: Jean Francois Painchaud (via Tumblr)