Un'utile mappa delle complesse divinità indù

Un albero degli dei dell'India

Il pantheon dell'India è persino più complesso di quello degli dei greci, con leggende e miti in cui le divinità si trasformano in altre, riappaiono con nuovi nomi e generalmente vivono una promiscuità inarrestabile. L'India è la grande terra di religioni, madre del buddismo, induismo, giainismo e altri culti sincretici. È anche la terra che ci ha donato yoga e tantra e, attualmente, il cinema di Bollywood influenzato da questa profusione di divinità.

Induismo è un termine creato dagli accademici occidentali, in gran parte riduzionista, sebbene utile per raggruppare una serie di diversi culti che hanno in comune derivare dal pensiero vedico e abbracciano una serie di testi come le Upanishad o il Mahabharata, tra gli altri.

Va detto che questa mappa è molto utile per la sua presentazione in un albero, per l'inclusione delle divinità più importanti e dei loro simboli, ma in nessun modo può essere considerata come definitiva, anche come un approccio preciso all'universo divino dell'India. Una versione definitiva sarebbe ovviamente impossibile, a causa della complessità e del livello delle biforcazioni di ciascuna divinità.