YouTube pagherà una multa di 170 MDD per la raccolta illegale di dati da minori

Una misura che ci ricorda l'importanza di proteggere i nostri dati personali

Dopo un procedimento legale contro una delle grandi aziende del mondo di Internet, Google e la sua consociata YouTube sono stati condannati negli Stati Uniti a pagare una multa di 170 milioni di dollari per aver raccolto informazioni personali da minori senza prima ottenere il dovuto consenso dei loro genitori o tutori.

La sentenza è stata emessa dalla Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti in una sentenza emessa mercoledì 4 settembre.

La denuncia è stata inizialmente presentata dalla stessa FTC e dal procuratore generale di New York, in vista dei profitti da milioni di dollari che la società ha accumulato negli ultimi anni a causa della sua crescente popolarità tra i bambini.

In questo contesto, YouTube è diventato il canale principale negli Stati Uniti per avvicinare il pubblico tra i 6 e gli 11 anni, superando di gran lunga la televisione. Produttori di giocattoli come Hasbro o Mattel sono alcuni dei principali partner commerciali di YouTube, tra cui molti altri associati alla produzione di beni di consumo destinati ai bambini.

Prima di avviare il processo giudiziario, sia la FTC che la procura di New York hanno contattato i dirigenti di YouTube per chiedere che le loro politiche in materia di raccolta e utilizzo delle informazioni personali dei minori a fini pubblicitari fossero migliorate, ma apparentemente La società ha rifiutato, sostenendo che i termini di utilizzo della sua piattaforma erano abbastanza chiari.

Questa è senza dubbio una delle sanzioni più importanti che sono state imposte negli ultimi tempi contro uno dei giganti di Internet, società che attraversano confini politici e persino codici legali e alle quali istituzioni come governi o autorità fiscali hanno cercato a lungo di stabilire limiti, come in effetti è accaduto di recente anche negli Stati Uniti, dove un senatore ha proposto di regolare la distrazione causata dai social network e Facebook in particolare.

Anche in Pajama Surf: Nota: non devi caricare le foto dei tuoi figli sui social network